Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Il criceto parlante

Una rivista online in continua evoluzione.


Maltrattano il loro cane, incastrati da un fotografo

Pubblicato da Il criceto parlante su 11 Novembre 2011, 06:37am

Tags: #Attualità

http://i.dailymail.co.uk/i/pix/2011/11/10/article-2059728-0EBDB8F300000578-348_634x487_popup.jpgNon riesco a trovare un senso a quello che mi accingo a raccontarvi, non riesco a concepirlo, neppure a immaginarlo, non saprei giustificarlo e non lo farei neppure se fossi un avvocato e venissi pagata per farlo, perché con certe realtà non si può venire a patti, con la vita di un essere vivente, umano o animale che sia, non si può giocare in questo modo. Se voi, arrivati alla fine saprete spiegarmi come e perché si può arrivare a essere così brutali ve ne ringrazierò, ma non giustificherò tanta barbarie e stupidità.

Di cosa parlo?

Di John Nesbitt e sua moglie Linda Jones, 62 e 51 anni, due orribili esseri che non hanno il diritto di essere definiti “umani”.

Il loro nome probabilmente non vi dirà nulla eppure, grazie al Daily Mail, ora sono sulla bocca di tutti e dovranno vergognarsi per quello che hanno fatto; bestie della peggior specie, a Exmouth, nel Devon, hanno più volte lanciato in mare Jess, un bellissimo terrier, il loro cagnolino  che, roteando e contorcendosi in aria, appariva sempre più spaventato.

Accusata di maltrattamento di animali, la coppia ha imbastito una scusa pietosa dicendo che lanciarlo in acqua doveva aiutarlo a mantenersi fresco durante la calda giornata di aprile; vorrei far notare però gli abiti dei due, non erano certo adatti a una giornata talmente calda da giustificare un bagno in mare.

Il procuratore Clifford Howard, foto alla mano, li ha ascoltati e accusati di aver entrambi lanciato il cane, rischiando di fargli colpire il piano in cemento che si trovava sotto il pelo dell’acqua e causargli danni vertebrali, alla mandibola e alle gambe.

Se non fosse stato per i testimoni oculari appostati sulla banchina e le foto utilizzate come prove, forse l’avrebbero scampata poiché all’inizio hanno tentato di negare l’accaduto; dapprima la donna ha affermato di aver chiesto al marito di non lanciare il cane ma lui non le avrebbe dato ascolto e lei, di certo, non avrebbe potuto fare una cosa simile  perché il cane pesava troppo per lei.  

Dalle immagini appare chiaramente che il primo a lanciare il cane è stato l’uomo e solo in un secondo tempo, essendo  tornato da loro, la donna ha preso l’iniziativa.

Ora vorrebbero riaverlo con loro, l’avvocato ha affermato che si sono resi conto di aver fatto una cosa stupida ma che ritengono i cani “resistenti” e non gli avrebbero causato alcuna sofferenza inutile; per fortuna non gli è stato permesso di riaverlo e adesso, mentre lui attenderà in un canile, loro dovranno aspettare la sentenza che sarà emessa il prossimo mese.

Mi auguro che la civiltà prevalga e questi due abbiano una condanna che sia di lezione a chiunque possa anche solo pensare di maltrattare un animale; spero che venga loro negata, per tutta la vita futura, di poter di nuovo godere della compagnia e dell’amore di un amico come quello che hanno schifosamente tradito.

Commenta il post

Laura 11/11/2011 13:48


Il che la dice lunga su che razza di "esseri" (non mi viene un termine che non sia volgare) siano.


Di tutto un po' 11/11/2011 12:29


si sono pure preoccupati di trovare una 'scusa'.. no words -_-'


Laura 11/11/2011 10:41


Già, speriamo in bene e speriamo che il cagnolino trovi una nuova famiglia che gli voglia bene.


Stefania 11/11/2011 10:13


A dir poco agghiacciante! Spero davvero in una sentenza esemplare.


Laura 11/11/2011 09:14


Ma che, quelli non si vergognano anzi, han detto che si divertivano e si divertiva pure il cane. Imbecilli.


Archivi blog

Social networks

Post recenti