Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Il criceto parlante

Una rivista online in continua evoluzione.


Lancia Beta HPE: informazioni sull'auto d'epoca

Pubblicato da Laura su 19 Luglio 2011, 17:39pm

Tags: #Motori

Lancia-Beta-HPE-VolumeX.jpgLa Lancia Beta HPE, acronimo di High Performace Estate, nasce nel 1974 e viene immessa sul mercato dopo essere stata interamente “lavorata” dalla Fiat che pochi anni prima, nel 1969, aveva acquistato la Lancia.

Primi progetti e immediato restyling

La progettazione di questo veicolo è però da far risalire ai tecnici Lancia che, nonostante l’assorbimento da parte della Fabbrica Italiana Automobili Torino, erano riusciti a mantenere vivo il reparto tecnico precedente, garantendosi la facoltà di lavorare ad alcuni progetti, pur dovendo sottostare a vincoli e imposizioni da parte della nuova proprietaria.

Di fatto, le basi su cui si lavorò per produrla furono 2: la berlina lanciata nel 1972 e la coupé presentata nel 1973.

Il turno dell’HPE venne solo tra la fine del 1974 e gli inizi del 1975 quando, con la nascita della Beta Montecarlo, esordì facendosi conoscere dal grande pubblico e quasi immediatamente sottoposta a un leggero restyling; sportiva ma adatta anche all’utilizzo durante il tempo libero, aveva una linea che richiamava la coupé, distinguendosi però per la coda che raccoglieva il bagagliaio dal volume ampliabile, grazie alla possibilità di abbattere i sedili posteriori.

Sul retro, la veneziana, doveva garantire un maggiore confort proteggendo dai raggi solari pur non compromettendo la visibilità ma, dato il non particolare favore del pubblico per questa soluzione si cercò di renderla più aggraziata tramite le fasce superiori che fondendosi creavano un continuum modificando l’impatto ottico. Come gli altri veicoli della serie Beta, non fu proposta con basse cilindrate ma venne lanciata direttamente con motori 1.6 da 109 cv e 1.8 da 119cv, solo durante la prima revisione, avvenuta pochi mesi dopo il lancio, per allinearsi con le “sorelle” Beta venne equipaggiata con motori 1.6 da 100cv e 2.0 da 119cv, per via della crisi petrolifera non era infatti possibile “spingere” sui consumi; esteticamente la Beta HPE e coupé subirono la stessa sorte, videro modificarsi la sagomatura del cofano, la mascherina con nuovi sfoghi e i fari carenati.

Delocalizzazione e uscita di scena

La partnership della FIAT con la casa automobilistica spagnola SEAT portò a delocalizzare parte del lavoro e affidarle la produzione delle versioni 2.000 che vennero così prodotte nello stabilimento di Landaben.

Nel 1981 il nome si modificò in HP Executive, un nuovo restyling coinvolse la plancia, i paraurti, la mascherina anteriore; scomparve la cromatura delle cornici per essere sostituita dal nero mentre comparve l’alimentazione a iniezione elettronica sul 2 litri che arrivò ai 122cv.

Prima di uscire di scena nel 1984, nel corso del 1982 subì ulteriori modifiche, venne lanciata la Lancia Beta H.P. Executive Volumex (VX) da 136cv; scomparsa “apparentemente” dal mercato, venne ufficializzata nel 2006 una Lancia Delta HPE ispirata proprio alla mitica Beta HPE.

Commenta il post

Archivi blog

Social networks

Post recenti