Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Il criceto parlante

Una rivista online in continua evoluzione.


Giocare imparando con il Nintendo DS

Pubblicato da Laura su 15 Agosto 2011, 13:10pm

Tags: #Games

Giochi-educativi-Nintendo-DS.jpgLa consolle portatile Nintendo DS, nelle sue varianti “Lite”, “i XL”, "i" e “3DS”, è spesso accusata di “atrofizzare” i cervelli delle nuove leve che, passando il tempo libero utilizzando questi piccoli dispositivi, tralasciano lo studio e lo sport per dedicarsi esclusivamente al divertimento.

Esistono tuttavia giochi che uniscono l’aspetto ludico a quello educativo permettendo alle giovani menti in formazione di imparare divertendosi; per chi ha difficoltà in matematica, per bambini in età scolare o per chi è semplicemente appassionato di questa materia, alcuni titoli da consigliare sono per esempio “Training di Matematica del Dr. Kageyama”, “Campioni di matematica”, “La prova del 10: avventure nel mondo della matematica” o la saga del Dottor Layton che ciclicamente propone nuovi titoli con indovinelli inediti, rompicapo ed enigmi da risolvere.

Attraverso questi giochi, gli utilizzatori vengono stimolati a risolvere problemi di vario tipo usando strategie differenti; talvolta si tratta di semplici calcoli, in altri casi viene proposta la famosa tabella dei 100 numeri o la “deciglia” ma, per i più tradizionalisti, anche esercizi classici con suggerimenti da applicare nella vita di tutti i giorni.

Se l’apprendimento delle lingue straniere non è mai stato il punto di forza a scuola, o se si desidera introdurre in maniera ludica i bambini allo studio di una lingua diversa dalla nostra, alcuni titoli si potranno rivelare d’aiuto; ne sono un esempio “Il mio coach: inglese per principianti”, “Mind your language: apprends le français!” oppure altri divertenti titoli per apprendere il tedesco, lo spagnolo e il giapponese.

Si tratta spesso di giochi semplici e immediati, colorati e allegri che consentono di creare personaggi e interagire con insegnanti virtuali pronti a spiegare e far ascoltare la corretta pronuncia di vocaboli di uso comune; attraverso elementari mini-giochi i bambini riescono ad acquisire le abilità di base ed eventualmente organizzare piccoli tornei di sfida con gli amici.

Nonostante si tratti di titoli educativi è sempre consigliata la presenza di un genitore poiché, anche se piuttosto semplici, talvolta il bambino potrebbe aver bisogno di delucidazioni per poter eseguire correttamente gli esercizi e, in tutti i casi, i complimenti di mamma e papà sono sempre accettati con maggior entusiasmo rispetto a quelli di un maestro virtuale.

Senza più demonizzare le consolle si potrà, affiancando i nostri bambini, aiutarli a imparare qualche cosa di nuovo e forse, nello stesso momento, anche noi genitori potremo acquisire nuove abilità o rispolverare vecchie conoscenze apparentemente dimenticate.

Commenta il post

Archivi blog

Social networks

Post recenti